Come evitare il tumore alla prostata: occhio ai grassi animali

Due ricerche, pubblicate questo gennaio su Nature Genetics e Nature Communications, affermano che i grassi dell’alimentazione nutrono le metastasi del tumore alla prostata.

Gli studi sono stati effettuati dai ricercatori della Harvard University, sotto la guida del Prof. Pier Paolo Pandolfi, e dall’Institute of Oncology Research dell’Università della Svizzera Italiana di Bellinzona, sotto la guida del Prof. Andrea Alimonti.

Sotto accusa sono i grassi di origine animale che introduciamo con il cibo e che sono responsabili di attivare le metastasi, rendendo quindi mortale il tumore alla prostata.

I ricercatori hanno scoperto quali sono i meccanismi cellulari alla base della diffusione delle cellule tumorali della prostata verso le altre parti del corpo, creando metastasi.

Gli studi hanno mostrato come alcuni farmaci per il trattamento dell’obesità, fatostatine e analoghi, bloccando la sintesi dei lipidi, possono funzionare nel bloccare i meccanismi cellulari responsabili della diffusione del tumore alla prostata, portando ad una regressione dello stesso.

Il valore della scoperta è dato dal fatto che per la prima volta si riesce ad intervenire sul processo di proliferazione delle cellule tumorali.

“Il metabolismo dei lipidi funziona da benzina per sostenere la macchina tumorale, – spiega Alimonti, – inibendo l’enzima mitocondriale PDC nelle cellule tumorali, il contenuto di lipidi cala drasticamente e le cellule maligne non proliferano più”.

Inoltre, l’ambiente, non solo i fattori genetici, interagisce con il tumore rendendolo più forte.

Il tumore alla prostata è un tumore indolente, secondo Pandolfi, perché cresce piano ed in modo latente. E se provoca metastasi diventa fatale.

Negli Stati Uniti, in cui l’alimentazione con grassi animali è molto diffusa, l’incidenza del tumore alla prostata è maggiore (%40) che in altri paesi in cui l’alimentazione è diversa, ad esempio in Giappone (10%) o altri paesi asiatici in cui si assumono meno cibi con grassi animali.

Ora il passo successivo è di capire e identificare il tipo di lipidi cattivi responsabili dell’aggravarsi del tumore e se esistono anche dei lipidi buoni in grado di prevenire i tumori o di arginarne la loro progressione.

Stili di vita corretti e alimentazione sana contro l’obesità e nella prevenzione dei tumori

Secondo l’OMS, l’obesità sta per superare il tabacco e raggiungere un poco ambito primato, quello di prima causa prevenibile di cancro.

Se si adottano stili di vita corretti ed un’alimentazione sana molti tumori non si svilupperebbero. Ecco alcuni consigli.

  • Mantenersi snelli
  • Praticare attività fisica regolare
  • Limitare i cibi calorici e le bevande zuccherate
  • Avere una alimentazione che privilegia frutta e verdura
  • Limitare le carni rosse, gli insaccati e le carni in scatola
  • Limitare il consumo di alcol
  • Limitare il sale
  • Assicurarsi un apporto di tutti i nutrienti essenziali (vitamine e minerali)

Tutte queste semplici regole, insieme a frequenti controlli di diagnosi precoce, permettono non solo di ridurre l’incidenza dei tumori, ma anche di trattare più efficacemente le persone che ne sono affette.

Per quanto riguarda i cibi anticancro e quelli da evitare segnaliamo

Cibi da evitare

  • merendine e prodotti da forno industriali
  • carni rosse e insaccati
  • bevande zuccherate e alcoliche
  • sale

Cibi che fanno bene alla prostata

  • Pomodori e sughi a base di pomodoro
  • Aglio
  • Cereali integrali
  • Verdure a volontà
  • Caffè

Secondo uno studio italiano in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità, il caffè, meglio se non decaffeinato, potrebbe rappresentare un’arma in aiuto della “prevenzione” del tumore alla prostata: da tre o più tazzine al giorno – presumibilmente meglio se preparate all’italiana, l’espresso o la classica moka – potrebbero ridurre di oltre il 50% il rischio di questo tumore.

Fonti: Repubblica.it; Lilt (Lega Italiana per la Lotta contro i tumori); IEO Istituto Europeo di Oncologia di Milano, International Journal of Cancer.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *