Cosa è la bioingegneria

Oggi quando si parla di bioingegneria si intende quella branca dell’ingegneria che affronta i problemi medici, quelli tradizionali insieme agli sviluppi più recenti, in modo da far interagire le due discipline per risolvere delle problematiche in ambito di ricerca molto avanzata. Quindi la bioingegneria è la disciplina che utilizza le metodologie e le tecnologie proprie dell’ingegneria al fine di comprendere, determinare e tentare di risolvere problematiche di interesse medico-biologico, mediante una stretta collaborazione degli specialisti dei vari settori, sia ingegneri che medico-biologi.

A titolo di esempio, possiamo ricordare alcuni degli scopi della bioingegneria: a) migliorare le conoscenze inerenti il funzionamento dei sistemi biologici, sia quando sono nello stato di normalità, che quando vengono colpiti da una particolare patologia, mediante dei modelli matematici per arrivare a schemi funzionali applicabili su larga scala; b) determinare nuove metodologie di diagnosi, terapia e riabilitazione; c) determinare e sviluppare nuovi apparati diagnostici, terapeutici e riabilitativi; d) progettare, ideare, costruire nuovi organi artificiali, dispositivi di supporto a funzioni alterate, ausili per disabili e dispositivi protesici; e) individuare delle strutture e servizi per la gestione e l’organizzazione, soprattutto sotto l’aspetto tecnologico, dell’assistenza sanitaria.

La bioingegneria quindi è rivolta principalmente alla ricerca. Parallelamente a questa figura di ricercatore, negli ultimi anni si sono delineate altre figure professionali che rispondono meglio alle esigenze della vita quotidiana di ospedali, cliniche ed enti preposti in vario modo a risolvere i problemi inerenti la sanità; a questo proposito si parla anche di ingegneria clinica. Indipendentemente dalla terminologia adoperata, sono state individuate alcune tipiche mansioni di un servizio di bioingegneria operante in un ospedale: consulenza sulle tecnologie a disposizioneM valutare l’impatto delle macchine e delle apparecchiature in termini di costo e benefici, sia dal punto di vista economico, sia dal punto di vista organizzativo in ambito sanitario; programmare la manutenzione preventiva per tagliare i costi. La bioingegneria è sempre più applicata e richiede specializzazioni multidisciplinari.

Deve ad esempio valutare l’opportunità di inserire negli ospedali servizi di bioingegneria aventi queste mansioni è ormai accertata, sia in termini di miglioramento delle prestazioni sanitarie fornite ai singoli pazienti sia in termini economico-organizzativi. In Italia è particolarmente sviluppato il distretto biomedica di Mirandola, nell’Emilia-Romagna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *