Cosa sono i finanziamenti alle imprese?

Finanziamenti alle imprese: cosa c’è da sapere

La parola “crisi” ormai è entrata nell’immaginario collettivo, è diventata una parola ricorrente, la sentiamo sempre nei telegiornali, la leggiamo sui giornali, la sentiamo mentre si discute in fila per la cassa. Sembra di essere in crisi da sempre e forse lo si è davvero, ma mai come adesso. Non è semplice uscire da una crisi economica così profonda e radicata e così i cittadini rimangono senza lavoro e soprattutto i giovani e gli over cinquanta si trovano in una situazione non semplice da affrontare. La stessa cosa vale per le aziende, soprattutto le micro imprese, che magari faticavano già ad arrivare a fine mese e adesso sono quasi sull’orlo del baratro.

Alle aziende medie e piccole, in particolar modo, in casi come questo e in mancanza di liquidità, viene concesso un prestito da parte delle banche o da parte di enti o ancora da parte di un privato. L’azienda incasserà la somma, e si stabilirà che entro un certo tempo debba tornare il suo prestito, a tasso fisso o variabile, dipende ovviamente da caso a caso. Sarà possibile restituire la somma, poiché si suppone che grazie al denaro incassato dall’azienda nel frattempo sia stata in grado di produrre e quindi di pagare anche il debito. Spesso le rate sono anche trimestrali o semestrali, proprio per gravare di meno sulle spalle di chi si trova ad amministrare un’azienda e deve badare non sono a sé e alla sua attività, ma anche ai suoi dipendenti.

Chi può finanziare un’azienda

Un’azienda può essere finanziata soprattutto con capitali propri, sarebbe a dire con una somma di denaro che il proprietario sceglie di mettere in gioco per la sua attività oppure che viene investita dai soci. In questi casi, capita che il capitale messo a disposizione non sia in denaro ma si tratti di un bene, come può esserlo una struttura o un terreno.

I veri e propri finanziamenti alle imprese (per info si veda contributipmi.it)però, sono quelli concessi da una banca che stabilirà un tasso fisso o variabile e si assicurerà di fissare una data entro cui l’azienda restituirà il proprio debito con gli utili che ha prodotto nel frattempo, proprio grazie al finanziamento che gli è stato concesso. È un modo per cercare di risollevare l’economia e far si che tutto il sistema ottenga i suoi benefici. È anche un modo per produrre lavoro e far si che i giovani formati e laureati trovino subito un lavoro e che venga concessa anche un’opportunità per chi non è proprio giovanissimo, ma che ha una famiglia di cui prendersi cura e, se il sistema non funziona ed è piegato su se stesso, gli sforzi potrebbero non bastare. Insomma, è un modo per rendere la società migliore e per far si che un cambiamento porti a sua volta tanti cambiamenti, ovviamente in positivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *