Come far riposare bene un bambino: dalle tecniche di addormentamento alla scelta del materasso

Avere un figlio è meraviglioso, ma comporta, soprattutto nei primi mesi di vita, di doversi adattare ai suoi orari: se non dorme il bambino, non dormiranno nemmeno i genitori. Ecco alcuni consigli per farlo riposare al meglio

Un tormento: chi ha avuto un figlio sa che, soprattutto agli inizi, il bimbo lo terrà sveglio la notte. Un bimbo su tre in età prescolare infatti ha disturbi del sonno e chiaramente se lui è sveglio, lo saranno anche i suoi genitori. Giorno o notte infatti per un fanciullo non fa differenza: i bisogni legati a fame e sete si fanno sentire a piccoli cicli che comprendono anche le ore in cui mamma e papà vorrebbero riposare.

Come farlo dormire bene?

Alcuni piccoli consigli possono tornare davvero utili se seguiti con attenzione. Innanzitutto bisogna abituare il figlio che le ore notturne devono essere dedicate al sonno. Ecco che quindi bisogna evitare il più possibile attività divertenti o eccitanti nelle ore piccole. Il letto poi deve essere il luogo associato al sonno: meglio evitare con il passare del tempo di farlo addormentare fra le propria braccia prediligendo il lettino. L’ambiente deve avere attenzioni particolari: poca luce, poco rumore. Una stanza tranquilla insomma.

Si arriva poi alla temperatura, che dovrebbe essere mantenuta intorno ai 20 gradi. Meglio la ninna nanna cantata dalla mamma che i giochi e carillon, che possono in alcuni casi tenere sveglio il bimbo. Attenzione anche ai sonnellini diurni, che se troppo lunghi o frequenti, possono avere ripercussioni poi sul sonno notturno.

Ma le tecniche per farlo riposare bene possono non bastare: anche la scelta del materasso è altrettanto importante, soprattutto considerando la vasta scelta che il mercato di oggi offre.

La scelta del materasso: dalla misura alle nuove tecnologie

La prima accortezza nella scelta del materasso per il proprio figlio sta nella misura: il letto non deve essere troppo grande visto che poi andrà a cercare un bordo dove appoggiarsi. La scelta del  poi oggi si può fare su una vasta scelta grazie alle nuove tecnologie.  Chi si occupa di vendita materassi offre una gamma molto varia in base alle esigenze delle persone.

Accanto ai più classici materassi a molla infatti, che non passano mai di moda, ci sono per esempio quelli in lattice, i quali hanno una conformazione che garantisce elasticità e resilienza, assecondando i movimenti del corpo durante la notte. Poi ci sono quelli in schiuma di poliuretano, materiale sintetico che offre prestazioni di comfort molto alte, traspirabilità, resilienza, flessibilità ed anche resistenza. Ci sono quelli a molle indipendenti: le molle sono qui avvolte in singoli sacchetti che conferiscono una distribuzione più equilibrata dei carichi. Infine ci sono materassi composti da vari materiali studiati per assecondare le esigenze di chi compra. Ma l’evoluzione più nota e moderna è la “memoria” dei materassi: i nuovissimi materassi memory foam. Grazie ad essi il peso del corpo viene distribuito in maniera uniforme, consentendo di mantenere una postura corretta durante tutta la notte. Questo materasso di ultima generazione asseconda ogni movimento del corpo.

Nel ricercare materassi online adatti per il proprio bambino insomma, il consumatore può essere consigliato al meglio: un esempio è il sito di materassi&materassi che offre una vasta scelta sul tema ed ottimi consigli, sia fra gli esempi citati che con vantaggi ancora più innovativi e moderni.

No Comments, Be The First!

Your email address will not be published.